La mia Call for Artists “Rendi la Tua Vita un’Opera d’Arte” sosterrà la neonata associazione #iotifosveva.

Oggi 20 febbraio 2020 la nuova associazione è stata ufficialmete presentata dagli Amici Marta e Paolo a stampa ed istituzioni nella meravigliosa cornice del Savoia Excelsior Palace Hotel di Trieste. È quindi giunto il momento di rivelare i beneficiari della mia iniziativa artistica che cercherà, nel corso dei prossimi mesi, di raccogliere tutto il bene che l’Arte può esprimere per tramutatarlo in fattivo sostegno ad una causa che mi sta a cuore in maniera particolare.

Oggi, 20 febbraio, ricevo un particolare regalo di compleanno, potendo “svelare” publicamente di sostenere questa nuova realtà associativa nata dalla ferrea volontà dei genitori di Sveva che hanno lavorato senza sosta in questi ultimi mesi affinchè l’associazione che porta il nome della loro bambina vedesse la luce. Una associazione che lavorerà per supportare i bambini ricoverati presso il reparto Oncologico dell’Ospedale Infantile Burlo Garofolo di Trieste con un occhio di riguardo alla loro sfera emotiva, supportandoli in maniera da motivarli e sostenerli attivamente durante i momenti più duri della degenza e della terapia.

call2020

Devo personalmente molto a Sveva.
Ed è una cosa tra me e lei.

Sveva mi ha indicato la strada da percorrere con la mia fotografia, una strada che io non vedevo e che era lì, proprio dietro l’angolo, bastava saper dove – e come – guardare. La sua battaglia, la sua tenacia, il suo sorriso anche nei momenti più bui e dolorosi sono stati un esempio, non solo per il sottoscritto. Il suo coraggio e il suo attacamento alla vita non sono facili da descrivere a parole, quindi cercherò per una volta di essere meno prolisso e non mi perderò nei meandri della scrittura.

Mi limiterò a dire che Sveva è stata una bambina felice, e questo in fin dei conti è quello che davvero conta più di tutto. Cos’è l’Arte se non gioia di vivere in tutte le sue innumerevoli sfaccettature? L’Arte è vita, l’Arte è la sublimazione di quanto di bello l’essere umano è in grado di concepire ed è per questo che l’Arte è chiamata a sostenere chi vive in partricolari difficoltà.

In tanti si sono interessati a questa mia iniziativa; alcuni mi hanno contattato direttamente contribuendo in modo splendido alla causa. Molti artisti mi hanno già confermato la loro presenza, altri lo faranno a breve. Nella pagina del sito dedicata all’iniziativa la lista degli artisti verrà sempre aggiornata in tempo reale.

“Rendi la Tua Vita un’Opera d’Arte”, sarà una fantastica ed avvincente cavalcata che si concluderà con un’asta benefica che aiuterà che ha deciso di aiutare.

Credo non ci sia nulla di più genuinamente meraviglioso come questo.

Aiutami ad aiutare, diffondi questo messaggio.

IO TIFO SVEVA

…e lo farò per sempre!

PelusoDaniele.png

Ti ricordi quando andavi a scuola? Chiudi gli occhi, prova a pensarci.

Ti ricordi alle elementari, quando verso la fine della quinta ti hanno comperato quel bel quaderno dal dorso plastificato, tutto colorato, magari chiuso da un lucchetto dorato, sul quale hai voluto farti fare un disegno con dedica da tutti i compagni e, perché no, anche dalle maestre?

Ti ricordi i diari delle medie e, sopratutto, quelli delle superiori? La Smemoranda era la regina indiscussa delle agende dei teenager delle generazioni X e Y e tutti noi, chi più chi meno, la passavamo in giro durante le lezioni per farcela firmare e dedicare da quanti più compagni possibile.

“Rendi la tua vita un’opera d’arte non si discosta molto da quelle antiche usanze, ne mantiene lo spirito ma ne differisce per lo scopo. Prima, l’agenda, era un contenitore eterogeneo di ricordi, una collezione di persone racchiuse in uno spazio definito – il diario – che risultava funzionale come sostegno allo spazio infinito – la tua memoria.

Rendi la tua vita un’opera d’arte è un progetto che è nato da una folgorazione, un colpo di testa, un fulmine a ciel sereno. Un progetto che resta un enorme contenitore, ma non più solo di persone o ricordi, ma di Arte, di bellezza, di inventiva e creatività.

Quasi tutto nasce per caso, nell’ordine caotico del mio taxi, e questo progetto non è da meno. Mentre sistemavo la mia nuova agenda, cercando di riportare meticolosamente tutti i dati importanti e le scadenze “sensibili”, mi sono accorto di quanto spazio libero – in termini di fogli non utilizzati o usati solo in minima parte – restava a disposizione a fine anno. Troppi, decisamente troppi i buchi: spazi vuoti privi di vita, di idee, di uno scopo. Da qui l’idea di mettere a disposizione agli artisti che conosco, non solo personalmente, e che stimo per il loro lavoro, una o più pagine della mia agenda affinché la possano impreziosire con la loro Arte. Fotografi, illustratori, disegnatori, tatoo artist, giornalisti, scrittori, musicisti, sportivi e chi più ne ha e più ne metta: tutti chiamati a rendere questa agenda un’opera unica ed irripetibile, viva e spumeggiante, in maniera da renderla riconoscibile e desiderabile per poterla mettere all’asta all’inizio del 2021. L’agenda sarà itinerante e verrà spedita laddove sarà richiesta, senza limiti, senza barriere né restrizioni.

Ma non solo: chi volesse contribuire a rendere l’opera ancora più unica lo può fare donando qualche pensiero, qualche “memorabilia” che possa impreziosire ancora di più quello che gli artisti hanno già reso unico con il loro contributo. Ogni idea può essere una buona idea, quindi proponi senza timori.

Tutto questo enorme progetto, come ormai da tradizione, per sostenere economicamente una realtà che lavora per aiutare i bambini ricoverati nell’ospedale Burlo Garofalo di Trieste e che verrà svelata ad inizio 2020. Tutto il ricavato di questo lavoro sarà devoluto in beneficenza.
Il progetto è già iniziato ed è aperto a tutti coloro che hanno voglia di realizzare un’opera nuova, a tutti coloro che hanno piacere di aiutare, con il proprio lavoro e il proprio sostegno, ad aiutare.

Fai la differenza, contribuisci anche TU a creare qualcosa di UNICO!

PD