[Istantanea][Mente] – Polaroid | Un viaggio lungo una vita

[Istantanea][Mente] – Polaroid | Un viaggio lungo una vita

Ancora oggi, dopo anni passati ad utilizzare ogni tipo di apparecchio fotografico scaturito dal fervido genio di Edwin Herbert Land, in molti mi chiedono il perché di una scelta fotografica così lontana dalla, presunta, qualità fotografica odierna e, altro punto piuttosto dolente, così costosa.
La fotografia istantanea, e la fotografia in generale per quanto mi riguarda, è sempre stata una amante severa che ha chiesto molto, in termini di tempo, investimenti e sacrifici, dando indietro sempre molto poco. Le soddisfazioni, perlopiù delle anonime auto celebrazioni oniriche, mi hanno comunque permesso di continuare a vivacchiare a margine di questo meraviglioso mondo fatto di luci ed ombre e di continuare ad imparare. Grazie alla fotografia ho imparato molto sul mondo che mi circonda ma anche su me stesso. E più di tutte le altre arti, la fotografia istantanea mi ha dato la possibilità di esprimermi senza filtri, senza bluff o scorciatoie tecnologiche, permettendomi di mettermi in gioco a trecentosessanta gradi. Senza filtri, senza scorciatoie.
Non è quindi una spinta al vintage, né una ricerca (sempre molto di moda) della originalità a tutti i costi. Le istantanee sono, per quanto mi riguarda, dei puri ed intonsi attimi di vita resi immortali attraverso due strati di plastica chiusi ermeticamente. Uno scrigno di colore contenete del tempo cristallizzato, immobile, immortale.
Queste sono le mie prime Polaroid, i miei primi tentativi di manipolazione che per me valgono più dell’oro.

 

PelusoDaniele.png

29 Comments

  1. Io ho sempre voluto una Polaroid…
    Me ne hanno regalata una, senza carta fotografica. Qui in zona non ne vendevano.
    Mio fratello l’ha presa con la scusa di comprare la carta e, dopo una vacanza, restituirmela… L’ha persa in vacanza.
    Non era destino, mi sa.

    Piace a 2 people

    1. Grazie, ne sono felice! Io in realtà non scatto solamente ma anche le colleziono. Queste sono state fatte con una 636 closeup e una onestep.
      Ne ho pubblicate altre, sia con la image che con la fedele colorpack (quella che tengo in mano nella foto in homepage). Ma ne ho a decine…

      "Mi piace"

      1. Sono tutte bellissime, io ho un debole per le istantanee. Posso chiederti come ti trovi con la onestep? Se non ho capito male sono tutte e due rifacimenti delle vecchie polaroid, volevo chiederti cosa ne pensi e quanto sono convenienti le pose

        Piace a 1 persona

        1. Potremmo aprire un dibattito che le maratone di Mentana ci fanno una pippa. Le Polaroid sono una magia unica, e solo per il modo in cui si presentano dovrebbero essere considerate patrimonio dell’umanità. Sono a mio agio con tutte le camere ma la onestep ha un posto caldo nel mio cuore. Le nuove pellicole ex impossible sono costose e poche (8 pose) ma sono la cosa che più si avvicina alla vecchia 600. Non so come si comportino come stabilità perché non le compro da parecchio, uso molto le Fuji. Ma se hai anche solo un “prurito” usuale e mostrarle al mondo!

          "Mi piace"

        2. Eh lo so che si potrebbe aprire un dibattito, forse anche questa è la cosa bella! In passato ho acquistato la instax mini 90, la amo e la odio per lo stesso motivo ossia il formato mini. La nuova polaroid mi aveva incuriosita ma le recensioni che avevo visto non mi avevano convinta appieno, unito anche al costo altino per le pose ho lasciato perdere. Ma mai dire mai! Ti seguirò con molto piacere aspettando di vedere i tuoi scatti!

          Piace a 1 persona

  2. “E più di tutte le altre arti, la fotografia istantanea mi ha dato la possibilità di esprimermi senza filtri, senza bluff o scorciatoie tecnologiche, permettendomi di mettermi in gioco a trecentosessanta gradi. Senza filtri, senza scorciatoie.” 💚 Concordo a tutto tondo. Benvenuto 🙏

    Piace a 2 people

      1. Mi piacciono molto i tuoi scatti e li apprezzo proprio perché “senza bluff o scorciatoie tecnologiche” 🙂 Io non amo il digitale, a cui ho dovuto cedere, ma apprezzo alcune alcune due peculiarità: scatti a costo zero. Non modifico, né correggo le immagini dopo lo scatto, questo magari pesa sul risultato finale, ma vuoi mettere la soddisfazione 😁

        Piace a 1 persona

        1. Capisco il tuo punto di vista, e in parte lo condivido. Credo che alla fine il mezzo è davvero solo “un mezzo”, quello che fa la differenza è il cuore, il cervello e l’occhio di chi sta dietro il mezzo. La manipolazione delle fotografie è sempre esistitita: in camera oscura facevano di tutto, proprio come con Photoshop. Poi, sta alla sensibilità di chi guarda cogliere tutte le sfumature delle immagine, fin anche degli artifizi.
          Sulla sensibilità poi, possiamo discutere per giorni mi sa…🙂
          Grazie per aver voluto condividere con me il tuo pensiero, l’ho apprezzato molto

          Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.